Catania. Ieri a Catania il  “Municipio Aperto” e il  “Lungomare Liberato” ha fatto registrare un grande afflusso di visitatori, catanesi e turisti, in occasione della prima edizione di “Municipio aperto”  iniziativa, voluta dal sindaco di Catania Enzo Bianco, che ha  aperto ufficialmente anche i festeggiamenti in onore della Patrona di Catania, Sant’Agata. Come sempre molto seguite le visite alla scoperta del Palazzo, un’autentico scrigno di tesori, organizzate grazie all’accordo tra l’Assessorato alla Cultura e l’Associazione guide turistiche Catania presieduta da Giusy Belfiore. 

Nell’occasione, nel Salone Bellini, di fronte ad un folto pubblico, si è esibito l’Ensemble Broken Consorts, che ha proposto un incontro di culture e provenienze musicali sotto il segno del mare. Musiche della tradizione siciliana riscoperte e rielaborate dalla compositrice catanese Carmen Failla. Il gruppo, nato dalla collaborazione di musiciste professioniste affermate sia come solistice sia in formazioni cameristiche e lirico-sinfoniche, è formato da Francesca Laganà (voce), Loredana Sollima (flauto), Rosa Alba Nicolosi (violino), Natalina Messina (violoncello), Angela Minuta (arpa) e Filippo Fasanaro (percussioni). L’ensemble Broken Consorts, che si avvale appunto del grande lavoro di ricerca, scrittura e direzione della compositrice catanese Carmen Failla, ha inciso tre cd, ha partecipato a numerosi festival nazionali e internazionali ed è stata più volte premiata per la sue attività. “Il mare racconta”: un viaggio su un immaginario veliero tra i porti del Mediterraneo e dell’Atlantico, alla scoperta delle tradizioni musicali dei luoghi visitati, in un repertorio allargato, ricco di contaminazioni etniche.

Questa domenica, come prima di gennaio, si è anche rinnovato l’appuntamento con il “Lungomare liberato”. Sulla piazza Nettuno, lato mare, gazebo con prodotti artigianali e artistici realizzati dai cosiddetti “operatori dell’ingegno” per un’esposizione a cura dell’assessorato alle Attività produttive. Sulla stessa piazza, ma dalla parte opposta,  momenti di intrattenimento come quello offerto dall’Autobooks dell’Assessorato alla Cultura. E’ tornato infatti anche quest’anno l’appuntamento con la Fita (Federazione Italiana Teatro Amatori), con un nuovo reading letterario, formula che gli appassionati hanno mostrato di gradire molto, soprattutto quando riguardava i grandi autori siciliani. Gli attori Nunziata Blancato e Santi Consoli, a bordo dell’Autobus, hanno letto i versi di Ignazio Buttitta, grande poeta siciliano, che tradusse in versi un intero secolo di storia politica e intellettuale della Sicilia.