Messina.  Alla presenza dell’l’assessore alla Cultura, Federico Alagna, sono state illustrate in conferenza stampa le nuove edizioni della “Rassegna Nazionale di Musiche e di Canti Folklorici ed Etnici” e della manifestazione “Padri del Folklore”. Quest’ultima, giunta al decimo anno e promossa dal dipartimento Politiche Culturali ed Educative, con il partenariato della Federazione Italiana Tradizioni Popolari e del Comitato F.I.T.P. della provincia di Messina, si svolgerà  venerdì 19, nell’auditorium del Palacultura Antonello, con inizio alle ore 19.30.

“Il mio assessorato ha accolto questa proposta della Federazione con grande piacere – ha evidenziato Alagna – in quanto è motivo di orgoglio ospitare questa doppia iniziativa all’interno di una cornice bella e suggestiva come il Palacultura. Nel corso dell’evento saranno consegnati riconoscimenti a nove personalità benemerite che, grazie a molteplici attività e competenze in ambito etno-antropologico, hanno contribuito alla salvaguardia, valorizzazione e diffusione delle tradizioni corali, coreutiche e musicali della regione”. All’undicesima “Rassegna Nazionale di Musiche e di Canti Folklorici ed Etnici”.

In programma invece sabato 20, dalle 19.30, sempre al Palacultura, parteciperanno sedici formazioni provenienti da tutta Italia. “La manifestazione gode di grande visibilità nazionale – ha concluso l’Assessore – e i gruppi partecipanti saranno suddivisi in due categorie. Nella prima convergeranno le composizioni di musiche e canti che, seppur tradizionali, mirano a rinnovare il linguaggio musicale riproponendo brani etnici attraverso testi innovativi o l’utilizzo di strumenti musicali moderni. La seconda categoria è invece riservata ai gruppi fedeli alla tradizione, che conservano le antiche sonorità vocali e strumentali”.

Una giuria di esperti assegnerà i riconoscimenti ai vincitori delle categorie “Etnica” e “Popolare” ed attribuirà, indipendentemente da quelle in concorso, anche due premi speciali dedicati a noti personaggi della Federazione scomparsi negli ultimi anni. Il “Premio Antonio Lecce” andrà al migliore interprete vocale e il “Premio Santino Merrino” al miglior musicista. Il “Premio V.I.C.T.” (Valore identificativo culturale tradizionale), altro riconoscimento speciale, verrà assegnato dalla Iov Italia al musicista che si distinguerà nell’esecuzione con strumento tradizionale.

In occasione di questo evento, realizzato per la prima volta in Sicilia, la F.I.T.P. distribuirà gratuitamente lo speciale “Sicilia”, un volume di 116 pagine dedicato al folklore regionale siciliano. Si tratta di un supplemento alla rivista della Federazione “Il Folklore d’Italia”, da poco inserita nel sistema informatico del CINECA e riconosciuta dal MIUR (ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca Scientifica) quale “rivista scientifica” del settore demo-etno-antropologico. Prodotto dalla F.I.T.P, per lo stesso appuntamento, anche un CD musicale-compilation comprendente i brani partecipanti alla Rassegna.