Acireale. Roberto Barbagallo arrestato il 23 febbraio scorso per corruzione nell’ambito dell’indagine “Sibilla” della guardia di finanza coordinata dalla Procura distrettuale di Catania, ha rassegnato oggi le proprie dimissioni dalla carica di sindaco del Comune di Acireale. L’ ingegnere Barbagallo 43enne era stato eletto alle amministrative del maggio 2014, candidato sindaco del movimento civico “CambiAmo Acireale” sostenuto anche dalle liste “Democratici per Acireale”, “Popolari per Acireale” e “Acireale Futura”. Nel 2009 era risultato il primo degli eletti al consiglio comunale di Acireale. Politicamente è considerato vicino al deputato regionale Nicola D’Agostino.

Nei giorni scorsi dal Palazzo di città era stata diramata una nota che alla luce dei fatti sarebbe stata comunque garantita la continuità amministrativa a darne notizia il segretario generale del Comune di Acireale, Mario Trombetta dopo un incontro con  il vicesindaco, Venerando Ardita e gli altri componenti della Giunta.